Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che Lo ha mandato.

Giovanni 5:23


Gesù è Dio! Ma non è Dio il Padre perché lo afferma Egli stesso.

Chi dice che Egli non è Dio è come quegli ebrei che lo volevano uccidere perché si "faceva Dio" perché non credono nella sua preesistenza come quegli ebrei che dissero "non hai ancora quarant'anni e hai visto Abramo?". E non credono che Egli fu la Roccia spirituale che guidò il popolo di Dio verso la terra promessa.

Dio Padre (Il DIO come riporta la scrittura in Giovanni 1:1 "ò Theos") si servì della Parola (Dio senza articolo "Theos" che alcune versioni traducono con "divino") per creare ogni cosa e per creare il suo popolo e guidarlo per il Regno dei Cieli. Egli è stato il sacrificio espiatorio per l'umanità.

Chi afferma che Gesù Cristo è il suo Signore e Padrone e che è nelle Sue mani - perché Dio Padre ha dato tutto nelle sue mani anche la nostra vita - allora vuol dire che è una Sua pecora. La nostra vita eterna è custodita in Lui, Egli è la Salvezza di YHWH.

"Tutte le cose che ha il Padre, son mie: per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà" (Giov 16:15).

Questo Dio parlò faccia a faccia con alcuni profeti come un uomo con un altro uomo: "Or l'Eterno parlava con Mosè faccia a faccia, come un uomo parla col proprio amico" (Eso 33:11). C'è chi cerca di smentire questa scrittura affermando che è un modo di dire ma che in effetti Mosè non ha visto Dio, gli irriducibili si inventano tante teorie perchè semplicemente non credono nelle Scritture. Per questo motivo Egli disse apertamente agli ebrei che erano fisicamente progenie di Abramo (Giov. 8:37-59) ma spiritualmente non lo erano né di Abramo né di Dio:

"Se foste figliuoli d'Abramo, fareste le opere d'Abramo; ma ora cercate d'uccider me, uomo che v'ho detta la verità che ho udita da Dio; così non fece Abramo. Se Dio fosse vostro Padre, amereste me, perché Io son proceduto e vengo da Dio, perché Io non son venuto da me, ma è Lui che mi ha mandato." (Giov 8:39-47).

Cosa sta dicendo Gesù? Abramo cosa fece? Credette a ciò che udì dal Lui e lo mise in pratica al contrario di coloro che lo ascoltarono e non credettero, anzi lo odiarono. Così Lui li censurò così: "Voi siete progenie del diavolo, ch'è vostro padre, e volete fare i desideri del padre vostro" (v. 44).

Egli disse a Filippo che voleva vedere con gli occhi Suo Padre "Non credi tu che chi ha visto me ha visto il Padre?" (Giov 14:8-9). Qui non voleva dire che Egli era lo stesso Essere, ma che nei confronti dell'uomo Egli è Dio Padre con gli stessi attributi (Onnipotente, l'Alfa e l'Omega, ecc), colui che pienamente lo stava rappresentando, lo rappresenta ancora oggi e lo rappresenterà nell'avvento del Regno di Dio. Egli è degno di ogni lode e onore. Così Tommaso ebbe a esclamare "Dio mio!" quando lo vide risorto. Il DIO PADRE NESSUN MORTALE PUò VEDERLO E VIVERE, NON COSì CON SUO FIGLIO.

Una scrittura che chiaramente afferma che Egli e il Padre non sono la stessa persona è 1Cor 15:24-28: "poi verrà la fine, quand'egli avrà rimesso il regno nelle mani di Dio Padre, dopo che avrà ridotto al nulla ogni principato, ogni potestà ed ogni potenza. Poiché bisogna ch'egli regni finché abbia messo tutti i suoi nemici sotto i suoi piedi. L'ultimo nemico che sarà distrutto, sarà la morte. Difatti, Iddio ha posto ogni cosa sotto i piedi di esso; ma quando dice che ogni cosa gli è sottoposta, è chiaro che Colui che gli ha sottoposto ogni cosa, ne è eccettuato. E QUANDO OGNI COSA GLI SARÀ SOTTOPOSTA, ALLORA ANCHE IL FIGLIO STESSO SARÀ SOTTOPOSTO A COLUI CHE GLI HA SOTTOPOSTO OGNI COSA, AFFINCHÉ DIO SIA TUTTO IN TUTTI".

Gesù è il Figlio dell'IDDIO Altissimo perciò è Dio.

Ebrei 1:9 dice ancora in riferimento a Gesù: "Hai amato la giustizia e odiato l'iniquità; perciò Dio [Gesù], il tuo Dio [Padre], ti ha unto con olio di letizia al di sopra dei tuoi compagni". In questo verso non è Dio Padre che si rivolge a Suo Figlio chiamandolo Dio? Se noi siamo dèi secondo la Parola di Dio, figuriamoci il Figlio.

Giustamente si intravede una particolare relazione tra Gesù e Suo Padre; quella particolare relazione con Dio Padre era che Gesù e Suo Padre erano UNO, significa appunto che Gesù era Dio in quanto Figlio di Dio.

"Ecco, egli viene con le nuvole e ogni occhio lo vedrà; lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno lamenti per lui. Sì, amen. "Io sono l'alfa e l'omega", dice il Signore Dio, "colui che è, che era e che viene, l'Onnipotente". (Apoc.1:7-8)

Gesù Cristo dice ai suoi. "Io sono la vite, voi siete i tralci. Colui che dimora in me e nel quale Io dimoro, porta molto frutto; perché SENZA DI ME NON POTETE FAR NULLA". (Giov 15:5)




INVIA AD UN AMICO
scrivi la tua E-mail:

scrivi la E-mail amica:

Logo e Dominio www.osanna.org copryright OSANNA 2003 - webmaster G. F.
I contenuti del sito sono di libera divulgazione ed utilizzo, se non coperti da diritti terzi
[Home] [Chi siamo] [Contattaci] [Servizio] [Eventi]