Dio �� spirito e quelli che L'adorano bisogna che Lo adorino in spirito e verit��.

Giovanni 4:24


Succede a tutti di cercare di immaginare com'è Dio, è naturale; infatti ciò che conosciamo lo dobbiamo ai nostri 5 sensi. Ma Dio non è materiale e qui nasce il problema.

Come può l'uomo immaginare un Dio che non è materiale? Se è vero come è vero che Lui ha creato ogni cosa, con che cosa lo si può raffigurare? Ogni cosa sussiste in Lui.

No, non si può assolutamente immaginare né raffigurare la Sua realtà, una realtà che vive fuori dal tempo e che Egli stesso ha creato, perciò è l'Eterno, l'Onnipotente, l'Unico Dio, Colui che con il Suo Spirito regge l'intero universo. Quale tempio potrebbe contenerlo?

Per questo motivo Egli comanda che non si facciano raffigurazioni delle realtà spirituali per essere adorati e, men che meno, della Sua persona perché qualunque figura essa sia è non vera e svia l'adoratore dalla Verità.

Un errore molto comune è quello di paragonare Dio a una persona umana sulla base della scrittura secondo cui l'uomo è immagine di Dio. Ma Dio non è immagine dell'uomo. L'essere immagine di Dio non significa con caratteristiche somatiche simili. Forse prevenendo questo, Paolo affermò "Talché, da ora in poi, noi non conosciamo più alcuno secondo la carne; e se anche abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora però non lo conosciamo più così". (2Cor 5:16).

Ricordiamo le parole di Gesù come definì Dio: "DIO È SPIRITO". Egli non ha mani, braccia, gambe, occhi ecc. fisici, anche se nelle scritture usa questi termini per esprimere la Sua potenza: nelle Sue mani ha l'intero universo, le Sua braccia possenti consentono di sollevare l'intero universo, ecc.. Questo linguaggio è alla nostra portata, è linguaggio della terra affinché noi che siamo della terra possiamo comprenderlo.

"Se vi ho parlato delle cose terrene e non credete, come crederete se vi parlerò delle cose celesti?". (Giov. 3:12).

Gesù aveva appena spiegato a Nicodemo che chi non nasce di nuovo non può entrare nel Regno di Dio. Egli usò il linguaggio degli uomini affinché potesse essere compreso il Suo messaggio spirituale e dimostrò che senza lo Spirito di Dio nessuno può conoscerlo.

"Gesù rispose: In verità, in verità io ti dico che se uno non è nato d'acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quel che è nato dalla carne, è carne; e quel che è nato dallo Spirito, è spirito". (V 5 e 6).

Non è con la carne ovvero con la scienza e l'intelligenza umana che si può conoscere Dio, infatti il mondo non può ricevere le cose spirituali, perché non si possono vedere né conoscere umanamente.

Tutto ciò che vuole rappresentare la realtà spirituale mediante opere materiali sono frutto della carne e non già dello spirito, non hanno nulla della Verità ma sono solo menzogna che conduce all'idolatria e alla morte. Allontanatevi dagli idoli.

Perfino l'uomo, su cui è stato posato lo Spirito di Dio, ha una limitata comprensione dalla grandezza e perfezione di Dio. Nella Bibbia ci è dato tanto quanto possiamo comprendere, ciò che è alla nostra portata e secondo ciò che Dio vuole rivelare singolarmente ad ognuno di noi affinché crediamo in Lui e solo a Lui rendere il culto.

Non è il luogo particolare da dedicare a Dio che ci fa veri adoratori del Padre, ma lo Spirito che Egli fa abitare in noi attesta che siamo già seduti nei luoghi celesti sempre in ogni luogo e tempo. Chi è stato generato di nuovo dallo Spirito di Dio, ha già in Cristo custodita la vita eterna perchè crede nella sola Scrittura e vive per fede in Lui e non per visione.

La Parola di Dio è Spirito e Vita eterna.




INVIA AD UN AMICO
scrivi la tua E-mail:

scrivi la E-mail amica:

Logo e Dominio www.osanna.org copryright OSANNA 2003 - webmaster G. F.
I contenuti del sito sono di libera divulgazione ed utilizzo, se non coperti da diritti terzi
[Home] [Chi siamo] [Contattaci] [Servizio] [Eventi]