I riscattati dell'Eterno otterranno gioia e letizia.

Isaia 35:10


"Celebrate l'Eterno, perch'Egli è buono, perché la Sua benignità dura in eterno! Così dicano i riscattati dall'Eterno, ch'Egli ha riscattati dalla mano dell'avversario e raccolti da tutti i paesi, dal levante e dal ponente, dal settentrione e dal mezzogiorno". (Salm 107:1-3)

Secondo le Scritture, i riscattati sono coloro i quali Dio ha chiamato e sta chiamando oggi che si pentono delle loro trasgressioni, si convertono ed accettano il dono della Sua grazia, Gesù il Cristo, perciò sono santificati con il Suo Santo Spirito.

"Poiché colui che è stato chiamato nel Signore, essendo schiavo, è un affrancato del Signore; parimente colui che è stato chiamato essendo libero, è schiavo di Cristo. Voi siete stati riscattati a prezzo; non diventate schiavi degli uomini". (1Cor 7:22-23)

Il prezzo con cui siamo stati riscattati dall'avversario è il prezioso sangue del nostro Signore Gesù. Perciò, i riscattati sono tratti da tutti i popoli del mondo per formare un solo popolo, il Popolo di Dio.

"Una stirpe eletta, un sacerdozio regale, una gente santa, un popolo che Dio si è acquistato, perché proclamiate le virtù di Colui che vi ha chiamati dalle tenebre alla Sua luce meravigliosa; voi, che prima non eravate un popolo, ma ora siete il popolo di Dio; voi, che non avevate ottenuto misericordia, ma ora avete ottenuto misericordia." (1Pietro 2:9-10)

Ai riscattati Dio ha fatto le Sue grandi promesse di benedizioni che saranno elargite nell'imminente Suo Regno che verrà.

"Il deserto e la terra arida si rallegreranno, la solitudine gioirà e fiorirà come la rosa; si coprirà di fiori e festeggerà con giubilo e canti d'esultanza; le sarà data la gloria del Libano, la magnificenza del Carmel e di Saron. Essi vedranno la gloria dell'Eterno, la magnificenza del nostro Dio. Fortificate le mani infiacchite, raffermate le ginocchia vacillanti! Dite a quelli che hanno il cuore smarrito: 'Siate forti, non temete!' Ecco il vostro Dio! Verrà la vendetta, la retribuzione di Dio! Verrà Egli stesso a salvarvi. Allora s'apriranno gli occhi dei ciechi, e saranno sturati gli orecchi de' sordi; allora lo zoppo salterà come un cervo, e la lingua del muto canterà di gioia; perché delle acque sgorgheranno nel deserto, e de' torrenti nella solitudine; il miraggio diventerà un lago, e il suolo assetato, un luogo di sorgenti d'acqua; nel ricetto che accoglieva gli sciacalli s'avrà un luogo da canne e da giunchi. Quivi sarà una strada maestra, una via che sarà chiamata 'la via santa'; nessuno impuro vi passerà; essa sarà per quelli soltanto; quei che la seguiranno, anche gl'insensati, non potranno smarrirvisi. In quella via non ci saranno leoni; nessuna bestia feroce vi metterà piede o vi apparirà; ma vi cammineranno i redenti; e i riscattati dall'Eterno torneranno, verranno a Sion con canti di gioia; un'allegrezza eterna coronerà il loro capo; otterranno gioia e letizia, e il dolore ed il gemito fuggiranno". (Isaia 35:1-10) (leggete i capitoli 51 e seg.).

Che gioia che è riservata per tutti coloro che sono di Cristo! Purtroppo ci sono cristiani che nutrono dei dubbi e non credono più al ritorno vero del Signore Gesù. È il prodotto della dottrina dell'immortalità dell'anima secondo cui alla morte il credente va subito in paradiso dove c'è gioia e letizia, il luogo originale perduto dall'uomo. Dimenticano che il paradiso è stato realizzato da Dio su questa terra e non nel cielo; era un ambiente meraviglioso, puro e perfetto senza deterioramento. Anche l'uomo è stato creato dalla terra e sulla terra. Successivamente l'uomo a causa della disubbidienza diventò malvagio e, con la sua opera, distrusse tutto. Il paradiso nel cielo non ha fondamento biblico.

Gesù invece ci ha promesso che nel Suo Regno, che Lui instaurerà su questa terra, non ci saranno malattie, guerre, avversità, ecc. e non ci sarà più la morte per i riscattati. Nel Suo Regno di giustizia ed amore vero regnerà una gioia indescrivibile.

La paura, la mancanza di amore e di fratellanza, la scarsa fede nel nostro Signore, porta a predicare un falso vangelo - ispirato dal dominatore delle tenebre - a chi non si fida pienamente di Cristo Gesù e delle Sue parole a chi vuole sentire che non morrà mai pur conducendosi malvagiamente ed è sufficiente appartenere a una chiesa. Ma ciò che conta per la salvezza è appartenere a Gesù Cristo per mezzo del Suo Spirito e fare la Sua volontà.

Cristo si è sacrificato con la morte in croce per riscattare e liberare l'uomo dalle tenebre, e ha fatto un nuovo Patto con tutta la Sua vera Chiesa, ha dato ferme promesse di perdono di tutti i peccati involontari e quella di far risorgere i Suoi nel giorno del Suo ritorno.

Chi è morto in Cristo in questi duemila anni, non ha ancora ottenuto gioia e letizia, ma giace addormentato in attesa della prima risurrezione, poco prima che il Regno di Dio sarà instaurato qui sulla terra. Chi si è preparato e crede in questo, governerà con Cristo in una terra dove sarà instaurata la vera giustizia, la vera pace e la pienezza dell'amore di Dio.

Noi siamo costantemente nella tribolazione ed eccezionalmente potremmo passare anche qualche persecuzione, ma stiamo certi che nessuna parola di Gesù cadrà a vuoto:

"In verità, in verità vi dico che voi piangerete e farete cordoglio, e il mondo si rallegrerà. Voi sarete contristati, ma la vostra tristezza sarà mutata in letizia. La donna, quando partorisce, è in dolore, perché è venuta la sua ora; ma quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più dell'angoscia, per l'allegrezza che sia nata al mondo una creatura umana. E così anche voi siete ora nel dolore; ma io vi vedrò di nuovo, e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno vi torrà la vostra allegrezza. E in quel giorno non rivolgerete a me alcuna domanda". (Giov 16:20-23)

Amen.




INVIA AD UN AMICO
scrivi la tua E-mail:

scrivi la E-mail amica:

Logo e Dominio www.osanna.org copryright OSANNA 2003 - webmaster G. F.
I contenuti del sito sono di libera divulgazione ed utilizzo, se non coperti da diritti terzi
[Home] [Chi siamo] [Contattaci] [Servizio] [Eventi]