Adora il Signore Dio tuo e a Lui solo rendi il culto.

Matteo 4:10


"Venite, adoriamo e inchiniamoci,inginocchiamoci davanti all'Eterno che ci ha fatti! Poich'Egli è il nostro Dio, e noi siamo il popolo ch'Egli pasce, e il gregge che la sua mano conduce" (Sal 95:6-7).

Dio ci cerca e ci chiede di adorarlo. Ma come? Nel giardino era in cerca di Adamo ed Eva, ma lo hanno rifiutato nascondendosi. Egli ci ama e desidera avere comunione con noi perciò ci cerca.

Noi, dunque, dobbiamo ricercare il SIGNORE l'Onnipotente cioè desiderare di essere alla presenza del nostro Creatore, di avere comunione con Lui.

Le Scritture ci danno un esempio del bisogno che c'è e del giusto atteggiamento nel ricercare l'Eterno in una società come la nostra piena di problemi e dove il culto non è rivolto al vero Dio perché nel cuore dell'uomo albergano tanti idoli. Leggiamo dal libro 2Cronache capitolo 15 versi 2-15:

"Allora lo spirito di Dio s'impadronì di Azaria, figliuolo di Oded, il quale uscì ad incontrare Asa, e gli disse: 'Asa, e voi tutto Giuda e Beniamino, ascoltatemi! L'Eterno è con voi, quando voi siete con lui; se lo cercate, egli si farà trovare da voi; ma, se lo abbandonate, egli vi abbandonerà. Per lungo tempo Israele è stato senza vero Dio, senza sacerdote che lo ammaestrasse, e senza legge; ma nella sua distretta ei s'è convertito all'Eterno, all'Iddio d'Israele, l'ha cercato, ed Egli s'è lasciato trovare da lui. In quel tempo, non v'era pace né per chi andava né per chi veniva; perché fra tutti gli abitanti de' vari paesi v'erano grandi agitazioni, ed essi erano schiacciati, nazione da nazione, e città da città; poiché Iddio li conturbava con ogni sorta di tribolazioni. Ma voi, siate forti, non vi lasciate illanguidire le braccia, perché l'opera vostra avrà la sua mercede'. Quando Asa ebbe udite queste parole, e la profezia del profeta Oded, prese animo, e fece sparire le abominazioni da tutto il paese di Giuda e di Beniamino, e dalle città che avea prese nella contrada montuosa d'Efraim; e ristabilì l'altare dell'Eterno, ch'era davanti al portico dell'Eterno" (versi 1-8)

Fortificati dalla Parola di Dio, la prima azione che intrapresero fu la distruzione degli idoli e si rivolsero al solo vero Dio YHWH e la gioia riempi il loro cuore perché il SIGNORE si era lasciato trovare da loro (verso 15).

Quanto scritto è così attuale che sembra scritto in questo tempo, esse ci dicono senza alcun dubbio che se noi cerchiamo il SIGNORE Dio nostro Creatore con tutto il cuore lo troveremo perché Egli si lascia trovare. Egli non è un Dio che si nasconde, anzi Egli è vicino ad ognuno di noi e siamo noi che ci allontaniamo e ci nascondiamo per i nostri misfatti.

Tuttavia, come avete notato c'è una cosa da fare prima, qualcosa di fondamentale: dobbiamo disfarci di tutti i nostri idoli. Dobbiamo esaminare noi stessi per vedere se esiste nella nostra mente qualche idolo: "Non amate il mondo né le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l'amore del Padre non è in lui" (1Giov 2:15). Sono parole molto forti queste di Giovanni.

Disfarsi di tutti i nostri idoli significa avvicinarsi al nostro Dio Padre attraverso il Signore GESÙ il Cristo con tutto il cuore.

Gesù ci dice: "Adora il Signore Iddio tuo, ed a lui solo rendi il culto" (Matteo 4:10). Per adorare Dio dobbiamo anche comprendere quanto Egli è grande e potente; Egli è al di fuori del creato nel senso che tutto è in Lui perché tutto è retto ed è pervaso da Lui per mezzo del suo Spirito santo.

"... così parla Colui che è l'Altissimo, l'eccelso, che abita l'eternità, e che si chiama il Santo. 'Io dimoro nel luogo eccelso e santo'," (Isaia 57:15 NRV) "il cielo è il Mio trono e la terra lo sgabello dei Miei piedi" (Isaia 66:1 NRV).

YHWH è l'Onnipotente!

Il libro dei Salmi è un grande esempio di come lodare e adorare IDDIO l'Altissimo. I salmi comunicano per lo più con adorazione e lode, e i modi di esprimere la lode sono sempre sottolineati. Il canto è uno dei modi per lodare e adorare Dio e ci sono quarantuno Salmi che ci dicono: "Cantate al Signore".

Ma ciò che Gesù rivelò sulla vera adorazione verso Dio sconvolge ogni uomo religioso abituato al rito: "i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; poiché il Padre cerca tali adoratori. Dio è Spirito; e quelli che l'adorano, bisogna che l'adorino in spirito e verità"(Giov 4:23-24).

Il luogo per il Signore non è fisico, ma è il nostro cuore, la nostra mente. Il luogo è là dove nasce il conflitto tra la nostra volontà e la volontà di Dio, tra il nostro egoismo e l'amore di Dio.

Questo non significa che il Cristiano si emargina dal mondo, anzi al contrario. Paolo invita a non disertare la comune adunanza perché colui che è di Cristo appartiene alla famiglia di Dio che è la sua Chiesa in Cristo. Frequentare i fratelli nella fede cioè frequentare l'assemblea di Dio è, e dev'essere, un'occasione per conoscere meglio Dio e crescere nel nostro culto verso di Lui.

La Parola di Dio ci invita tutti a onorare Dio: "Date al SIGNORE la gloria dovuta al suo nome, portategli offerte e venite in sua presenza. Prostratevi davanti al SIGNORE vestiti di sacri ornamenti, tremate davanti a lui, abitanti di tutta la terra! Il mondo è stabile e non sarà smosso" (1Cron. 16:29-30).

Se veramente siamo convinti con tutto il nostro cuore che in noi c'è la presenza del SIGNORE nostro Salvatore, dobbiamo e possiamo dire con tutto il nostro cuore e la nostra mente:

"Degno sei, o Signore, e Iddio nostro, di ricever la gloria e l'onore e la potenza: poiché tu creasti tutte le cose, e per la tua volontà esistettero e furono create" (Apoc 4:11).




INVIA AD UN AMICO
scrivi la tua E-mail:

scrivi la E-mail amica:

Logo e Dominio www.osanna.org copryright OSANNA 2003 - webmaster G. F.
I contenuti del sito sono di libera divulgazione ed utilizzo, se non coperti da diritti terzi
[Home] [Chi siamo] [Contattaci] [Servizio] [Eventi]