Riconoscete che è Dio che ci ha fatti e noi siamo Suoi.

Salmo 100:3


L'inganno più grande per l'uomo è non riconoscersi creatura di Dio Onnipotente e, perciò, negarlo e rinnegarlo. C'è sempre stato chi non crede in Dio creatore, ma nell'epoca moderna con l'avvento della comunicazione di massa le forze mediatiche sataniche (film, TV, riviste, giornali, ecc.) hanno scatenato il fiume della menzogna per delegittimare Dio nell'intera società con la conseguenza che l'uomo non crede più di essere una creatura. Ricordate lo slogan degli anni sessanta "io sono mio"? Non siamo figli di quella filosofia?

L'uomo continua ad essere religioso sì, ma non credente in Dio. Questo è uno dei motivi per cui le chiese cristiane sono vuote e pochi sono alla ricerca del vero Dio.

L'uomo sta tentando dal giorno della sua creazione di dominare ogni aspetto della sua vita e della natura, anche della morte, sotto il suo totale controllo; in pratica vorrebbe conquistare il controllo di tutto il pianeta e dell'intero universo cosa impossibile ai mortali. Ingannato com'è desidera diventare onnipotente, come Dio.

La verità è che l'uomo non può cambiare sé stesso, il suo cuore malvagio e tutte le sue scelte e i suoi disegni sono destinati a fallire. Il peccato che alberga nel cuore dell'uomo è la causa di tutti i mali e, per la soluzione dei problemi, egli dimostra tutta la sua impotenza.

Fino a quando l'uomo non riconosce Dio l'Eterno come il suo creatore e SIGNORE, non troverà mai la via per risolvere tutti i suoi mali; l'ostacolo da superare è riconoscere il vero Dio. Questa divisione è un vuoto che nessuna conquista, nessuna ricchezza, nessun amico può colmare. Nessuna religione e nessuna denominazione può risolvere un problema che sta nel nostro cuore e nella nostra mente: il peccato e la ribellione verso Dio ovvero la violazione della sua santa Legge.

Un giorno l'Eterno si farà conoscere all'uomo con potenza mediante il suo intervento diretto sulle nazioni con opere cui saranno inequivocabilmente attribuiti a Lui. Presto si conosceranno i dolori e la dura prova e l'uomo riconoscerà che è opera di Dio. È già in atto la sua parola per farsi conoscere in mezzo alle nazioni, non con dolcezza ma con la sua ira. Tuttavia nessuno vuole riconosce che sono opere di Dio e nessuno si converte e dà gloria al suo Nome.

È necessario, quindi, prima di tutto per ognuno di noi riconoscere il vero Dio come nostro autore, che siamo opera sua e, perciò, che apparteniamo a Lui e non a noi stessi.

Egli è un Dio di amore che ama tutto il suo creato, specialmente l'uomo che ha fatto a sua immagine e somiglianza. Ma Egli odia la ribellione ed è pronto a distruggere gli impenitenti.

Se crediamo di appartenere a noi stessi e che la nostra stessa vita appartiene a noi e che possiamo fare ciò che vogliamo, allora siamo solo dei miserabili e stolti perché non comprendiamo che siamo mortali e che la stessa nostra vita non dipende da noi.

Riconosciamo Dio l'Eterno come nostro Creatore e diamo a Lui gloria e onore.




INVIA AD UN AMICO
scrivi la tua E-mail:

scrivi la E-mail amica:

Logo e Dominio www.osanna.org copryright OSANNA 2003 - webmaster G. F.
I contenuti del sito sono di libera divulgazione ed utilizzo, se non coperti da diritti terzi
[Home] [Chi siamo] [Contattaci] [Servizio] [Eventi]