Come il Padre ha vita in se stesso, così ha dato anche al Figlio di avere vita in se stesso.

Giovanni 5:26


In un giorno solenne del Sabato, Cristo Gesù si trova a guarire un ammalato che da 38 anni era paralizzato e giacente sul suo lettuccio. I dottori della Legge notano che l'uomo cammina portando il suo lettuccio; incredibilmente, la loro attenzione è concentrata solo su quel peso che quell'uomo sta portando mentre trascurano ciò che è successo veramente importante: la guarigione di un uomo che era oppresso dell'infermità. Per loro non contava la miracolosa guarigione avvenuta per mezzo di Cristo Gesù, ma solo ciò che era vietato dalla Legge ossia non portare "pesi" nel giorno del Sabato profanandolo.

Quei dottori della Legge conoscevano molto bene la Scrittura, avevano studiato profondamente ogni apice della Legge, MA non avevano lo Spirito di Dio, non avevano l'Agape di Dio perciò avevano la mente ottenebrata dalla loro ipocrisia e dall'odio per il bene: "E per questo i Giudei perseguitavano Gesù e cercavano d'ucciderlo; perché faceva quelle cose di sabato" (v. 16).

Giovanni ci conferma in questo passo che Gesù si rivelava ai giudei come il Figlio di Dio e lo dimostrava con la potenza delle Sue opere:

"Gesù rispose loro: Il Padre mio opera fino ad ora, ed anche Io opero. Perciò dunque i Giudei più che mai cercavano d'ucciderlo; perché non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio. Gesù quindi rispose e disse loro: In verità, in verità Io vi dico che il Figliuolo non può da se stesso far cosa alcuna, se non la vede fare dal Padre; perché le cose che il Padre fa, anche il Figlio le fa similmente. Poiché il Padre ama il Figliuolo, e gli mostra tutto quello che Egli fa; e gli mostrerà delle opere maggiori di queste, affinché ne restiate meravigliati. Difatti, come il Padre risuscita i morti e li vivifica, così anche il Figliuolo vivifica chi vuole. Oltre a ciò, il Padre non giudica alcuno, ma ha dato tutto il giudizio al Figliuolo, affinché tutti onorino il Figliuolo come onorano il Padre. Chi non onora il Figliuolo non onora il Padre che l'ha mandato. In verità, in verità Io vi dico: Chi ascolta la mia parola e crede a Colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita." (v. 17-24).

Chi aveva visto lo perseguitava non perché aveva sanato un infermo, ma perché faceva opere di bene di Sabato. La legge materiale della osservanza e della condanna prevaleva sulla misericordia e sull'amore per il prossimo, la loro conoscenza della Legge valeva più della conoscenza del Cristo. E non solo lo perseguitavano, ma addirittura decisero di ucciderlo perché si dichiarava Figlio di Dio, quindi della stessa natura spirituale.

A loro non interessava nulla della natura di Gesù e di chi lo avesse mandato, non gli importava nulla della guarigione degli infermi, ciò che importava era la sottomissione al loro potere e alle loro dottrine che vedevano messe in pericolo da un uomo che faceva grandi segni.

Che motivo c'èra di perseguitare un uomo che dichiarava apertamente di essere il vero Figlio dell'Iddio Altissimo? Sicuramente il loro spirito malvagio, contrario alla volontà di Dio Padre, riconosceva la vera natura di Cristo Gesù e perciò fremeva in loro il desiderio di eliminarlo per non sottomettersi.

Ancora oggi quello stesso spirito malvagio è attivo più che mai. Tanti dottori della Legge, insigni teologi, studiosi e filosofi affermano che Gesù non è Dio nonostante è dichiarato Figlio di Dio, non onorano il Figlio come onorano il Padre. Questi falsi maestri considerano una pazzia, una bestemmia, una falsità, un'aggiunta ai passi biblici l'affermazione che Cristo Gesù è un Dio.

Ma la Scrittura chiaramente afferma che Gesù è l'Emmanuele ovvero "Dio con noi"; Egli era ed è "Dio con noi".

La Scrittura afferma inequivocabilmente che Cristo Gesù ha ricevuto dal Padre il pieno potere di avere vita in sé stesso e il diritto di fare ogni cosa come la fa il Padre, dare vita e salvezza a chi vuole.

Cristo ha il pieno potere di giudicare e chi ascolta e crede in Lui crede anche nel Padre, chi non onora il Figlio non può onorare il Padre; chi non ascolta e non crede alla Parola è destinato a non avere vita eterna. La Bibbia è la Parola di Dio e chi considera attendibile solo una parte di essa non conosce veramente il Dio della salvezza. Tutto conduce a Cristo! La nostra attenzione deve essere su Gesù Cristo e sulla Sua opera.

Il Signore Gesù è la Potenza e Sapienza di DIO il quale ha dato ogni cosa nelle Sue mani, anche la nostra stessa vita. Egli è Spirito vivificante e vivifica chi vuole. In questo senso è uguale al Padre.




INVIA AD UN AMICO
scrivi la tua E-mail:

scrivi la E-mail amica:

Logo e Dominio www.osanna.org © copryright OSANNA 2003 - webmaster G. F.
I contenuti del sito sono di libera divulgazione ed utilizzo, se non coperti da diritti terzi
[Home] [Chi siamo] [Contattaci] [Servizio] [Eventi]